Venato d’azzurro

Venato d’azzurro

Mi fermo e guardo2 venato d_azzurro
con occhi di diamante e nichel
nel cerchio di luce e latte

E vedo la lotta
tra l’ordine e il caos
e vedo il mio viso sbiancarsi
sospeso per la mia sorte

Rami di sangue
si fanno nel cerchio più fitti
dall’orlo al centro dell’occhio

Tutto lavano con rossa spugna
e il maligno si scioglie
lasciandomi solo ed ansante,
ma bianco e venato d’azzurro.

1974

 1,012 total views,  1 views today

Questa voce è stata pubblicata in g. Poesie. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.