Da Giulio Giù

Da Giulio Giù

Da un triangolo di mare tra le rupiGiulio Giu
l’occhio risale ai ripidi gradoni
fasce d’argento o verde chiaro
e verde scuro e fresche cupe ombre.

Poi la corona di fiori selvaggi
che la Donna di Giulio ingentilisce
e la piccola casa bianca e ridente
fierezza di un uomo padrone ospitale

E qui dalla “Nova” per orti e giardini
a scoprire i generosi frutti della terra
cresciuti con amore riverso
nel ricordo inquieto del figlio lontano.

Ci salutiamo,le braccia colme di doni,
agrumi, erbe odorose e diademi di fiori,
nel cuore la gioia stupita di un incontro
in cambio di una promessa di ricordo.

S. Maria della Nova in Calabria 26.7. 1977

 1,167 total views,  1 views today

Questa voce è stata pubblicata in g. Poesie. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.